Palazzo_pretorio_di_Trento.jpg

Azione, perché c’è bisogno di una città dinamica, in movimento, aperta al nuovo, competitiva, efficiente. Come si richiede alla piccola Capitale di una speciale Comunità Autonoma, autorevole interlocutore istituzionale del governo provinciale.
 

Unione, perché nessuno può vincere le sfide difficili di questo tempo se non assieme agli altri, con spirito di comunità e di solidarietà, condividendo un destino comune.

Azione e Unione sono due valori essenziali per far sì che il nuovo ciclo della città sia coerente con la sua anima profonda e al tempo stesso la accompagni verso un orizzonte nuovo e positivo. Come è sempre accaduto nella sua storia recente.

Avvertiamo tutti le insidie del cambiamento.
 

Trento non è una città allo sbando: affronta semplicemente un ciclo nuovo, dopo un lungo percorso di crescita e di qualificazione. Ed è chiamata a farlo dentro una fase globale di forti cambiamenti sociali, culturali ed economici.
I cittadini, anche a Trento, iniziano a sentirsi spesso soli e preoccupati di fronte ai problemi di ogni giorno:

  • la difficoltà a trovare un lavoro sicuro e di qualità;

  • la crescente esigenza di servizi per molti anziani e persone disabili;

  • la mobilità spesso congestionata;

  • spazi pubblici che non appaiono più sicuri;

  • procedure burocratiche sempre più complicate, lente, talvolta incomprensibili;

 

vincoli anche illogici e pervasivi che scoraggiano la “voglia di fare”, condizionano la capacità privata di investire nei vari campi e mortificano la stessa professionalità degli operatori pubblici.

 

Rivitalizzare il potenziale delle risorse umane, sociali, culturali, tecniche, imprenditoriali. 


La robusta e vitale rete di comunità e di relazioni sociali - così tipica della nostra città - viene messa a dura prova dal clima di individualismo esasperato e di de responsabilizzazione.


E, più in generale, anche da noi si percepisce che un mondo sta cambiando, con le sue certezze e le sue solidità e nessuno ancora sa dire quale sarà il mondo nuovo che ci attende.
Siamo ben consapevoli di tutto questo, ma vediamo anche le cose positive e le
grandi opportunità che pure in questo tempo ci sono e per le quali Trento in realtà si è preparata con decenni di investimenti in conoscenza, ricerca, coesione sociale. 
Per questo siamo convinti che la città conservi intatto il potenziale delle sue risorse umane, sociali, culturali, tecniche, imprenditoriali. 
È da queste che vogliamo partire per
assicurare il nostro contributo al ciclo nuovo che partirà con le elezioni del 20 settembre prossimo, perché siamo consapevoli che spetta in primo luogo alla politica costruire progetti di comunità e indicare un sentiero possibile per il futuro, per il bene comune

 

C.F. 96080220229   -  segreteria@azioneunione.it